Baci da Cantamerlo

La domanda è se data un minuscola borgata diroccata e in stato di abbandono da anni e date risorse umane ed economiche scarse si può iniziare una campagna di recupero.

La risposta, nel nostro caso, è naturalmente si. La borgata in questione è Cascina Cantamerlo, nel comune di Gravere, sopra Susa.

inquadramento territoriale
inquadramento territoriale

Il luogo ci è piaciuto e, senza nessun committente, abbiamo pensato ad un progetto, o almeno a quello che dovrebbe essere l’inizio di un progetto.

Individuato tra i fabbricati quello più diroccato abbiamo pensato e progettato un’architettura che vi si calasse al suo interno e che gli desse una funzione, che iniziasse a rendere quei muri di pietra diroccati allettanti.

planimetria del complesso con evidenziata l'area di intervento
planimetria del complesso con evidenziata l’area di intervento

 

vista generale del complesso di baite
vista generale del complesso di baite

Il complesso di case visto dalla vicina Borgata Arnodera si presenta immerso nel verde delle vigne ed affacciato sulla vicina città di Susa.

vista generale04

vista generale03

Qui sopra delle immagini del rudere oggetto del progetto.

Il progetto è stato nel cassetto fino a quando non lo abbiamo proposto ad un bando del “GAL – Escartons e Valli Valdesi” e lo abbiamo vinto. Abbiamo vinto il finanziamento che copre metà delle spese necessarie a realizzarlo.

Il bando è stato presentato di concerto con i proprietari del rudere, l’Associazione ESALP (Ilio Amisano) e l’Associazione Etinomia (Daniele Forte). L’idea è quella di rendere accessibile questa porzione di borgata con degli interventi di messa in sicurezza e di attrezzarla con delle strutture aperte che ne rendano pubblico l’uso. Le strutture sono neutre, possono essere usate come luogo di sosta temporanea, affaccio privilegiato sulla valle sottostante, nido d’amore dove andare a baciarsi, piccolo teatro all’aperto per concerti o poco affollate rappresentazioni teatrali o ancora luogo didattico per lezioni all’aperto.

E’ poco ce ne rendiamo conto ma l’operazione vuole proporsi come progetto pilota e come esperimento di alternativa al recupero per fini abitativi dei manufatti delle terre alte.

E’ un’architettura che vuole essere felice e che vuole allettare i visitatori con la speranza che non tutto è rovina.

fotoinserimento06

 

Il corpo di fabbrica più a valle viene allestito con un solaio in legno che funge da terrazza, belvedere, palco, area picnic etc etc.

fotoinserimento09

 

Il corpo di fabbrica più a monte si affaccia sulla parte sottostante con una gradinata in legno che si appoggia su una “scarpa” in materiale lapideo che ha anche la funzione di contrastare la spinta del muro a monte.

Da oggi la sfida sarà trovare la restante metà dei soldi e poi far vivere quel luogo in modo che il nostro seme germogli e si radichi negli edifici adiacenti.

Chiudo con una citazione dal n. 153 di Lotus international che a pag. 50 introduce una serie di articoli così:

LO SPAZIO CONDIVISO

La volontà e il desiderio di creare uno spazio comune, utilizzabile da tutti, può diventare in alcuni casi lo strumento grazie al quale un luogo viene trasformato, e una data situazione muta in modo radicale. Si tratta talvolta di piccoli interventi in cui si predispongono veri e propri esempi di “commons” secondo il significato originale del termine, in cui un dato spazio vuoto, una certa risorsa, una certa funzione rimangono in parte indeterminati nell’uso e a disposizione di tutti i membri di una comunità.

Casa Gb

Breve, piccola ed economica ristrutturazione di un bilocale in centro città. Di architettonico c’è l’assistenza in cantiere e la trovata della bussola di ingresso al bagno che si integra con la cucina. Di umano c’è la convinzione che non tutte le nicchie fanno la felicità e che nei bagni piccoli i sanitari uno di fronte all’altro possono convivere.

Il candore algido della casa è riscaldato dal laminato in veramente finto rovere e dall’arredo très chic della padrona di casa.

Se vi piacciono gli accessori guardate qui: http://ohbell.wordpress.com/

compo01

compo04

fotoC 002

Casa MB

A seguire le foto del cantiere di via Madama Cristina (Torino) appena finito. Un ristrutturazione di un alloggio di circa 125 mq per una giovane coppia con figlia dove è prevalso il concetto di continuità tra gli ambienti, sottolineato dal parquet in legno che inonda letteralmente tutta la casa.

Per la zona cucina e bagno si è invece “inventato” un getto in cemento con inerti che, una volta lucidati, hanno creato l’effetto delle piastrelle in graniglia tipiche delle case di metà novecento. Un’alternativa più calda rispetto alla classica resina monocromatica.

Nei bagni il rivestimento delle pareti è una colla per piastrelle, levigata e fissata con una vernice trasparente.

Lo studio pensato come open space
La cucina con il pavimento in graniglia

La camera da letto con il blocco del bagno
Il bagno degli ospiti

Impresa edile

MAKEit – Torino

Una postazione di lavoro

Uno studio torinese ci ha chiesto di allestire un’area a doppia altezza dei suoi locali con una struttura che permettesse due postazioni di lavoro fisse al piano pavimento e delle postazioni temporanee ad un piano rialzato.

Le postazioni temporanee godono di un’ampia scrivania comune e di un affaccio tipo loggiato sulle parti comuni dello studio che crea una sorta di scorcio urbano all’interno degli uffici.

Le postazioni fisse al piano pavimento isolano dal resto dello studio solo visivamente attraverso delle pareti traslucide  in modo da evitare un effetto claustrofobico viste le ridotte dimensioni degli spazi interni.

il piano rialzato

Comune di Piossasco

Concorso di idee

per la riqualificazione urbanistica dell’area denominata “RTc”, del complesso edilizio di proprietà comunale sito nella piazza Tenente Lorenzo Nicola e delle aree ad esso adiacenti

Indirizzo A

2° Classificati

Image

ImageImage

con arch. Amirante Alessandro, arch. Barosio Michela, arch. Parisi Ottavia

Casa Viale

Un vecchio edificio industriale è stato recuperato e adibito a laboratorio dello scultore Fabio Viale con una piccola percentuale di residenza. Il tema qui è chiaramente il bianco e nero, dove il bianco è soprattutto materia.

Una immensa vetrata su apre sul cortile interno che è anche deposito per le lastre grezze. La luce è stata una necessità inderogabile per il lavoro dello scultore.

Rimane più intima e privata la piccola parte di spazio riservata alla residenza come la cucina e una piccola camera in alto con accesso direttamente sul balcone dal quale ancora si vedono le vecchie fabbriche del quartiere.

Questo progetto è stato svolto in collaborazione con lo Studio Amirante Architetti Associati

su “Case da abitare” novembre 2011

suD – Repubblica”  1 dicembre 2012

fotografie di Helenio Barbetta

L’imperatore Chen Lon

L’imperatore Chen Lon si rinnova. Un mese di lavori per dare una nuova veste ad uno dei più amati ristoranti cinesi di Torino. La Proprietaria insieme alla sua famiglia desideravano rinnovare l’immagine del ristorante con un aspetto meno  uniformato di quello a cui siamo abituati noi occidentali.

I bravi architetti hanno abbandonato l’immagine inflazionata di draghi, dragoni e pesci svolazzanti per proporre un’immagine legata agli aspetti naturalistici del paese  e quindi giocando con i materiali e i colori più che che con le icone.

Di seguito alcune immagini del ristorante fino a ieri, del modellino e dell’attuale cantiere.

 

In collaborazione con l’arch. Marco Goria Gatti

ieri
oggi
domani

Sky box

Abbiamo partecipato insieme a MyBossWas Studio all’allestimento dello sky box di Nike al nuovo Stadio della Juventus.

Si è trattato di identificare un piccolo spazio fronte campo riservato allo sponsor.

Di seguito alcune immagini del lavoro.

gli ultimi ritocchi al tattoo-wall
la sky room vista dal lato del campo
la sky room con il campo sul sfondo

MyBossWas Studio

In attesa delle foto ufficiali ecco alcune immagini dello Studio in versione bootleg.

Il giardino delle riunioni
La sala giochi/regia audio
La sala montaggio e double fresh
Il labirinto di cartongesso

enjoy      mybosswas.com